Skip to main content

Miotomia endoscopica transorale (G-POEM) per il trattamento della gastroparesi refrattaria

A cura di Fabio Ambrosino By 3 Maggio 2024No Comments
News
G-POEM

Sebbene non statisticamente più efficace di un’iniezione intrapilorica di tossina botulinica (BTI), la piloromiotomia endoscopica transorale (G-POEM) potrebbe avere un ruolo rilevante nel trattamento della gastroparesi refrattaria.

È questa la conclusione a cui sono giunti gli autori di uno studio randomizzato controllato, pubblicato recentemente su Endoscopy, sul confronto tra i due trattamenti mirati al piloro (1).

La gastroparesi è definita come la presenza di sintomi epigastrici e di ritardo nello vuotamento gastrico in assenza di ostruzione meccanica. Studi epidemiologici stimano una prevalenza nella popolazione generale di circa 24,2 persone su 100.000, con una maggiore prevalenza nel genere femminile.

Lo studio pubblicato su Endoscopy, condotto in due centri di eccellenza, ha arruolato 40 pazienti (18 uomini e 22 donne) con gastroparesi refrattaria gestita medicalmente per più di 6 mesi e confermata dalla scintigrafia di vuotamento gastrico. L’età media dei partecipanti era di 48,1 anni e la durata media dei sintomi di 5,8 anni.

Questi sono stati randomizzati per ricevere G-POEM o BTI e seguiti per un follow-up di 1 anno. L’endpoint primario era rappresentato dall’efficacia clinica a 3 mesi, definita come una diminuzione maggiore di un punto dello score Gastroparesis Cardinal Symptom Index (GCSI).

Gli endpoint secondari, invece, erano costituiti dall’efficacia a un anno, dall’evoluzione della scintigrafia di vuotamento gastrico, dagli eventi avversi e dalla qualità della vita.

I risultati hanno messo in evidenza un tasso di successo a tre mesi più elevato con la G-POEM rispetto alla BTI, ma tale differenza non è risultata statisticamente significativa (65% vs 40%; P = 0,10). Anche tasso di successo clinico a un anno nell’analisi intention-to-treat, poi, è risultato più elevato nei soggetti sottoposti a G-POEM ma non statisticamente superiore (60% vs 40%; P = 0,20).

Il punteggio medio al GCSI è risultato ridotto in entrambi i gruppi, sia a tre mesi che a un anno. Il tasso di miglioramento della scintigrafia di vuotamento gastrico è stato del 72% nel gruppo G-POEM e del 50% nel gruppo BTI (P = 0,17). Per quanto riguarda la sicurezza, infine, si sono verificati solo tre eventi avversi minori nel gruppo G-POEM (uno intraoperatorio e due postoperatori) e nessuno nel gruppo BTI.

“In conclusione – scrivono gli autori – i nostri risultati mostrano che la G-POEM raggiunge un tasso di efficacia del 60% a 1 anno, confermando altri dati presenti in letteratura. Una differenza di efficacia rispetto alla BTI non può essere confermata statisticamente, ma potrebbe essere clinicamente rilevante. Inoltre, questo studio conferma l’interesse per trattamenti mirati al piloro, sia meccanicamente che chimicamente, nel trattamento della gastroparesi refrattaria”.

Vai all’articolo originale
Bibliografia

1. Gonzalez JM, Mion F, Pioche M, et al. Gastric peroral endoscopic myotomy versus botulinum toxin injection for the treatment of refractory gastroparesis: results of a double-blind randomized controlled study. Endoscopy 2024; 56(05): 345-352.